Se avete scelto un Viaggio di Capodanno Low Cost nella capitale del Tirolo, è giusto sapere Cosa Vedere a Innsbruck nelle ore in cui sarete in questa città.

Innsbruck è il luogo ideale per trascorrere un Capodanno in Città ricco di cultura, divertimento e sapore.
Ecco un elenco delle attrazioni imperdibili, e di consigli pratici e utili per scegliere cosa fare durante vostra Vacanza a Innsbruck.

Cosa Vedere a Innsbruck in un giorno

Anche se pare poco, un solo giorno di tempo da dedicare alla visita della città è più che sufficiente per visitare tutte le cose più importanti. I tempi sono perfetti per dedicarvi al centro storico e anche per fermarvi a mangiare alcuni dei  Piatti Tipici Tirolesi in una caratteristica Stube.

Innsbruck è inoltre la meta ideale per chi vuole unire il fascino di una grande città con il Capodanno in Montagna.

Ecco le attrazioni, i monumenti, i musei e le particolarità da non perdere a Innsbruck. Seguite questi consigli e saprete perfettamente Cosa Vedere a Innsbruck.

 

Hofburg

E’ l’antico palazzo reale costruito in epoca medioevale da Sigismondo d’Austria. Egli fortificò solo l’ insediamento di Innsbruck generando un primo accenno di palazzo.
Fu invece il suo successore, Massimiliano I, a volere la struttura attuale. Essa è giunta intatta fino a noi. L’unica variazione di rilievo è, infatti, il restauro in stile Rococò operato da  Maria Teresa d’Austria intorno al 1735.

Oggi il Palazzo ospita eventi culturali e mostre d’arte.

 

Case Colorate del fiume Inn

Se vi chiederanno Cosa vedere ad Innsbruck al vostro ritorno, siamo certi che risponderete: “le case colorate”

Passeggiando per il Centro storico di Innsbruck e costeggiando il fiume Inn, ci si trova accanto ad una schiera di case caratterizzate dai colori sgargianti delle facciate. Sono uno degli scorci più caratteristici della Città e si trovano a pochi metri dalla Piazza del Mercato, teatro principale della Festa di Capodanno a Innsbruck  in Piazza.

 

Arco di Trionfo

Risale al 1765 ed fu voluto da Maria Teresa D’Austria in onore delle nozze del figlio Francesco I.
L’arco doveva rappresentare solo per pochi giorni l’ingersso d’onore della sposa Maria Ludovica. Il fato volle che, appena prima delle nozze, il giovane rampollo morì.

Maria Teresa decise allora di trasformare l’arco  in una struttura fissa sull’antica porta della città, dedicandola al figlio scomparso.

Come da tradizione Romana l’arco è scolpito. L’imperatrice decise che a Nord si rappresentassero le Nozze, mentre a Sud la Morte di Francesco I.

Sotto questo arco si sviluppa una parte della Festa di San Silvestro in Piazza: il top del vostro Viaggio di Capodanno Low Cost a Innsbruck.

 

Castello di Ambras

E’ un esempio di architettura curato dalle mani sapienti di Giovanni Battista Guarienti.
La ristrutturazione del casino di caccia dell’imperatore, sito sulla collina di Innbruck, è l’ultimo lavoro dell’architetto per la casata degli Asburgo. Dopo vent’anni di servizio come sovrintendente dei palazzi del regno, al termine dei lavori del Castello di Ambras, cedette l’incarico e si ritirò.

 

Alpenzoo

Lo Zoo di Innsbruck esce del tutto dall’idea standard di Zoo cittadino.
Qui non ci sono gabbioni dove gli animali sono tristemente rinchiusi, ma spazi aperti in un’ampia area montana delimitata, dove, camminando per i sentieri immersi nell’ambiente alpino si vedono gli animali che vivono in agio.

Una parte dello Zoo è dedicata alle specie alpine; una è più generica e ospita specie provenienti da tutto il mondo.

 

Il Tettuccio D’oro

E’ il simbolo della città.
Si tratta del tetto dell’erker (finestra sporgente) costruito nel 1496 sulla residenza dei Conti Tirolesi.

La particolarità del tetto è che è interamente d’oro. Gli affreschi dell’erkel rappresentano momenti della vita dell’imperatore Massimiliano I

 

Nordkette

E’ la catena montuosa che circonda la città. Su di essa si trovano quattro comprensori  sciisitici e le piste che videro all’opera gli atleti olimpici nelle due edizioni dell’olimpiade invernale di Innsbruck

Per raggiungerla bisogna prendere la Hungerburgbahn direttamente dal centro storico: si arriva alla stazione dell’Hafelekar, a 2300 m, in soli otto minuti.

E’ anche possibile scendere alla stazione intermedia dell’Alpenzoo.

 

Post recenti
Vacanze in Salento 2018 Duomo di Leccecapodanno-in-montagna-a-madonna-di-campiglio-e-pinzolo-per-giovani