Oktoberest: tra Litri di birra, musica trash e turisti da tutta Europa, benvenuti alla più grande festa della birra di tutto il mondo!
Pensare che ogni anno più di 6 minlioni di visitatori invadano gli stand e il luna park di Theresienwiese fa già riflettere sulle dimensioni dell’evento.
Non stiamo parlando di una normale festa della birra. L’oktoberfest è una tradizione radicata nella cultura bavarese, al punto di essere ormai un simbolo della città e della regione.

La Storia dell’Oktoberfest

L’edizione dell’Oktberfest 2019 sarà la numero 209. Ma da dove nasce la magia dell’Oktoberfest?

Le origini della festa

Theresienwiese, luogo dove l’Oktoberfest si svolge significa “Prato di Teresa”.
Fino al 1810 questo era solamente un campo che si trovava a ridosso della porta della città, ma da il 12 Ottobre di quel giorno, un felice evento cambiò la storia di questo luogo dando origine alla leggenda che oggi chiamiamo Oktoberfest.
In quel giorno, infatti, il proncipe Ludwig di Baviera, sposò la principessa Teresa di Sassonia, e tutti i cittadini furono invitati in questo campo per partecipare ai festegiamenti.
Il campo da allora si chiama”Prato di Teresa” in onore della principessa.
Venne organizzata una grande corsa di cavalli e una serie di giochi e spettacoli furono donati dai reali alla popolazione.

La festa diviene Tradizione

L’anno seguente, in onore dell’anniversario, venne organizzata una nuova corsa di cavalli, e venne presa la decisione di trasformare la festività in un evento annuale.
Probabilmente nessuno pensava che quella festa si sarebbe trasformata nell’evento che, oggi, scandisce i tempi di vita della città di Monaco: l’Oktoberfest.
Solamente le guerre mondiali e le epidemie hanno, negli anni, portato l’annullamento dell’Oktoberfest. Dal 1850 veglia sull’evento la Statua della Baviera, opera di Johan Baptist Stiglmaier e Ferdinand Von MIller.

Le edizioni e le particolarità.

Il 1885 è l’anno della prima volta di un Oktoberfest illuminato dalla luce elettrica.
Nel 1887, invece, viene reintrodotta la sfilata del primo giorno, che ancora oggi accompagna l’inaugurazione.
Nel 1892 arrivano i Mass, i boccali di vetro da 1 L, simbolo dell’oktoberfest. Altro simbolo è la Bandiera Bavarese, bianco e blu che viene ammainata dal 1933 al 1938, a favore della svastica Nazista. A dimostrazione, che il Totalitarismo di Hitler era davvero totale.
Nel 1960 l’organizzazione ferma le corse dei cavalli. L’ultima sarà organizzata solo 50 anni dopo in occasione del 200° anniversario dell’Oktoberfest.
Il 26 Settembre 1980 è il giorno dell’ombra all’Oktoberfest. Una bomba esplode nei servizi igienici causando la morte di tredici persone.
Nel 2010, per il 200°anniversario dell’Oktoberfest, e quindi anche delle nozze regali da cui esso nacque, fu prodotta e servita una birra speciale. Molti souvenir riportarono i ritratti dei principi Ludwig e Teresa.

La Birra dell’Oktoberfest

All’Oktoberfest si possono servire soltanto birre prodotte dalle sei marche di birra storiche di Monaco. Sono Paulaner, HB, Hacker-Pschorr, Augustiner e Lowenbrau le uniche birre che si possono trovare negli stands (Festzelte) dell’Oktoberfest. Ogni casa prepara una birra speciale prodotta appositamente per essere servita durante l’evento.
Si trovano, in stand e tende minori, anche prodotti particolari delle sei case produttrici, quali la birra Wiess o Rossa, che non sono tipicamente prodotti da Oktoberfest
Ed ogni casa gestisce altresì uno o più stand, in grado di ospitare ognuno fino a 10 mila persone sedute. Al centro di ogni Festzelte, c’è un palco e un gruppo tradizionale che suona musica Schlager.

Cosa fare all’Oktoberfest.

A contorno di tutto quello che è legato alla Birra l’Oktoberfest è un bellissimo luogo di gioco e socializzazione.Nel Theresienwiese
Di certo 6 milioni di partecipanti sono già un ottimo motivo per parteciparvi. Gettarsi nella miscia con una Mass in mano e conoscere tutto lo stand è uno sport comune per i partecipanti.
Come comune è farsi conquistare dalle mille attrazioni del luna park.
La ruota Panoramica, il Taboga, L’altalena delle streghe e la ruota del diavolo sono solamente alcune di esse.

L’Oktoberfest in città

Inoltre la città di Monaco, durante l’Oktoberfest, si trasforma in un paese delle meraviglie.
Si respira atmosfera di festa, molti cittadini sono in ferie e chi può gira in abiti tradizionali.
I negozi sono addobbati con bandiere, boccali, bottiglie ed effigi delle case produttrici della regina assoluta dell’evento: la Birra.
Anche le birrerie tipiche sono invase da turisti, ma anche da abitanti che approfittano delle giornate dell’Oktoberfest per incontrarsi in birreria e bere la birra Oktoberfest che, è risaputo, è molto buona perchè fresca e prodotta con malto di stagione.
La città pullula poi di spettacoli, eventi collaterali che vanno dalle mostre ai grandi concerti, artisti che si esibiscono in ogni angolo.
Vale proprio la pena spendere qualche ora anche passeggiando per Monaco, godendosi così a pieno il clima dell’Oktoberfest

Monaco di Baviera e il Successo Mondiale dell’Oktoberfest

Come accennato l’atmosfera non si ferma solo al consumo di birra.
La fama e il successo dell’Oktoberfest sono dettati anche dalla cultura e dalle attrazioni di Monaco, oltre che dagli eventi correlati, come accennato.
Molti di questi eventi e dei motivi di fama, sono legati all’ambiente trasgressivo e originale che si cela dietro la facciata precisa e seria della città.

 

Monaco è la chiave del successo

E’ noto in tutto il mondo l’aspetto libertino di Monaco, i suoi quartieri esuberanti, la vita notturna molto agressiva e la libertà che la legge lascia in molti campi.
Seppur la polizia sia molto attenta e vigile è infatti legale la prostituzione ed è del tutto normale essere in stato di ebbrezza per la città.
I locali poi, nei giorni dell’evento organizzano feste e serate a tema, specie nel weekend, quando i turisti arrivano in massa.
Non sarà facile finire nei locali più importanti dove la selezione è rigida e, per politica, si cerca di mantenere una clientela locale. Ma non sarete delusi dai disco pub e i club più “internazionali” dove troverete il giusto ambiente di follia tipico dell’Oktoberfest.

Non solo una Vacanza di Birra

Il fascino di un weekend all’Oktoberfest sta anche nel non aver bisogno di passare 3 giorni a “nutrirsi” di birra e a dedicarsi alla trasgressione e alla movida.

Il Centro storico

La città presenta moltissme attività e attrazioni che possono occupare i pomeriggi.
Partendo dal Centro Storico non si può non dedicare qualche tempo alla visita del municipio in MarienPlatz, alla Frauenkirche e al palazzo reale.

Musei

Una buona mezza giornata la passerete al Kunstareal,un quartiere che risale alla prima metà dell’ottocento che venne realizzato per concentrare in un unico luogo tutta la creatività e l’arte locale. Vi si trovano le tre pinacoteche (nuova, vecchia e moderna) e il museo dell’impressionismo Lenbachhus.
Per i più pratici, da visitare è il Museo di scienza e tecnica più grande del mondo. 28.000 oggetti raccontano l’evoluzione scientifica umana dal neolitico ad oggi.

Il Calcio

Ma Monaco è anche Calcio, e la Allianz Arena è uno degli stadi più belli del mondo. Qui ogni settimana si disputano le partite del Bayern Munchen o del Munchein 1860, le due squadre locali. Assistervi è un’emozione impagabile!
Molto altro si può trovare nei dintorni di Monaco, ma lo lasciamo ad un altro ariticolo in cui parleremo delle Vacanze a Monaco di Baviera: cosa fare durante l’anno e nel Capodanno a Monaco di Baviera.

Come arrivare all’Oktoberfest

Monaco di Baviera è vicino al’Italia. Solo 500 Km separano, infatti, Monaco da Milano.
Per raggiungere Monaco si può utilizzare il treno in quanto le stazioni della città sono molto comode per il centro.
C’è sempre l’opzione auto , ma è sempre a vostro rischio e pericolo, e poi ci sono i Viaggi Organizzati  per l’Oktoberfest. 
Questi si svolgono sempre in pullman, hanno un prezzo basso e si regolano sugli orari più adatti ai giovani.

Post recenti
viaggi giovani gallipoli punta della suina vacanze giovanispring break-malta-sun break-bob_sinclar